vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

ISA Topic 2020 - Il Falso

ISA promuove per il 2020-2021 iniziative intra Ateneo sul tema del “falso”.

Non c’è aspetto della cultura e del sapere, non c’è disciplina, che non sia oggetto di falsificazioni. Il “falso” ha molte origini: può essere premeditato, accidentale e involontario, o conseguenza inevitabile della normale evoluzione delle conoscenze che porta ad abbandonare credenze e falsi miti a seguito di nuove scoperte.
In un mondo iperconnesso, il “falso” ha le stesse capacità, se non addirittura maggiori, di diffusione del “vero” generando fenomeni di disinformazione e di rigetto della conoscenza fondata sui risultati dello studio e della ricerca. Le conseguenze sulla salute, le relazioni umane, sulla società e sulla politica possono essere ampie. Lo scopo di questo ISA TOPIC è quello di avviare un confronto interdisciplinare sui diversi aspetti del “falso” e sulle ricadute del “falso” sul sistema della ricerca e della formazione.

Macrotemi ISA Topic - Il Falso

Falso e moda
Nel corso dell’aa 2020-2021, il rapporto fra moda e falso verrà indagato tramite due eventi promossi dall’Istituto di Studi Avanzati e realizzati rispettivamente dai Dipartimenti di Scienze Politiche e Sociali (SPS), Storia, Culture, Civiltà (DISCI), Filosofia e Comunicazione (FILCOM), Beni Culturali (DBC) e dal Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita (QUVI).
Art of fake, fake in art and in the art market
The existence of fakes affects universal rules concerning the production and trade of artworks, thus raising deep problems about authenticity criteria that seem to be timeless.
Il “Falso”: allestimenti digitali nel MOdE - Museo Officina dell’Educazione
Proposta di progetto avanzata dal Centro di “Educazione, Storia e Politica” e dal Centro di Ricerca e Didattica nei Contesti Museali - CRDM del Dipartimento di Scienze dell’Educazione.
La falsa guerra. Pandemia e analogia medico-politica: ragioni e conseguenze
Sulla falsità della certezza e la necessità dell'errore
Un'ampia letteratura filosofica ci informa che vero e falso non sono valori assoluti, fissi nel tempo, ma dinamici, in evoluzione. La verità non è un assunto, ma una meta, la direzione a cui tende una ricerca continua (anche nella scienza).
Le forme del falso
Il seminario, articolato in due giornate, propone un percorso di riflessione sulla “forza del falso” (per citare il titolo di un saggio di Umberto Eco), con l’obiettivo di analizzare le molteplici forme che il falso ha assunto nella storia, e soffermarsi su punti in comune e differenze, dal passato al presente.